Artemisia gallery Perugia | Mostra “Scatti d’emozione” e “Senza rete” – 18 febbraio – 4 marzo
780
post-template-default,single,single-post,postid-780,single-format-gallery,edgt-core-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor-ver-1.8.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

Mostra “Scatti d’emozione” e “Senza rete” – 18 febbraio – 4 marzo

Scatti d’emozione” di Fabio Palmieri e “Senza rete” di EdoArt, dal 18 febbraio al 4 marzo in Galleria.

Il primo artista, Fabio Palmieri, intitola la sua mostra fotografica “Scatti d’emozione”. La conoscenza e acutezza dell’artista hanno permesso alle sue foto di diventare opere d’arte. Possiamo considerarle, per questo, frutto dell’ esperienze e della sensibilità che il fotografo, meditando anche in solitudine, ha acquisito nel tempo . “A vederle sembrano dipinti e, in effetti, prendono come esempio i quadri del seicento napoletano, a loro volta eredi dell’influsso di Caravaggio e Rubens – scrive Marco Bastianelli– Sono però fotografie, che Palmieri scatta a partire da intavolature pensate e pazientemente costruite, con giochi di luci che lui stesso realizza per sottolineare, qua e là, punti di rinforzo che catturano l’osservatore. Il gioco delle luci e dei colori, la costruzione armonica dell’inquadratura e le soluzioni pensate conferiscono alle foto di Palmieri una dignità estetica”.

La seconda mostra, esordio per Alfredo Mommarelli, prende il nome di “Senza rete”: l’artista, legato da una parte al pensare “spaziale” e dall’altra ad osservare le cose sotto tutti i punti di vista compresi quelli desueti o generalmente ritenuti inutili, ama soprannominarsi Immaginatore materico. Alfredo Mommarelli compone le sue opere, fatte su legno e dipinte con colori acrilici, con i più vari materiali, anche riciclati. La varietà e l’alternatività con cui crea i suoi quadri si discosta nettamente dalla tradizionale bidimensionalità : sembra che l’artista, per il suo essere profondamente architetto, proietti il suo modo di vedere le cose a 3, 4 o addirittura 5 dimensioni nelle sue opere escludendo la possibile bidimensionalità classica , troppo limitante per esprimere tutte le energie che raccontano le sue opere.